Blog: http://viaggionelsilenzio.ilcannocchiale.it

Don Ruggero Conti: 15 anni e 4 mesi

Don Ruggero Conti, ex parroco della Natività di Maria Santissima di Selva Candida ed ex garante di Alemanno per le periferie e la famiglia, già missionario in Uganda, è stato condannato in primo grado a 15 anni e 4 mesi di detenzione per violenza sessuale continuata e aggravata su 7 ragazzi (qui i video del processo). 

"Possiamo definirla una pena esemplare - dichiara Roberto Mirabile Presidente de La Caramella Buona, l’associazione antipedofilia costituitasi parte civile nel processo - anche se per un pedofilo seriale di questo genere con l'aggravante della veste sacra che fino ad oggi ha indossato non credo possa esistere giuridicamente parlando una pena valida. Sicuramente possiamo ritenerci soddisfatti del lavoro degli inquirenti, degli avvocati tutti dell'accusa e della decisione del Tribunale: i ragazzi hanno sempre detto la verità ed oggi finalmente è ufficiale".

Il pubblico ministero Francesco Scavo aveva chiesto, in una precedente udienza, la condanna dell'imputato a 18 anni di reclusione più il pagamento di una multa pari a 50mila euro per i reati di violenza sessuale, atti sessuali con minori, induzione alla prostituzione minorile, continuati e aggravati. Per il magistrato, il sacerdote si è macchiato di "condotte di una gravità inaudita, insidiose e insistenti".

Don Ruggero fu arrestato il 30 giugno 2008 mentre stava organizzando con l'oratorio il viaggio per partecipare alla Giornata Mondiale della Gioventù di Sidney. L'accusa sosteneva che il sacerdote avesse ripetutamente abusato, per oltre dieci anni, dei giovani affidati alle sue cure, approfittando delle situazioni di debolezza o difficoltà familiare in cui versavano le vittime. Ulteriori indagini, effettuate dopo l’arresto, portarono alla luce altri casi di abusi che sarebbero avvenuti negli anni Ottanta, prima dell’ordinazione sacerdotale di don Conti, quando l’aspirante sacerdote insegnava educazione sessuale a Legnano. E, sebbene gli episodi in questione fossero ormai prescritti, alcune vittime dell'epoca sono state comunque sentite in aula come testi dell'accusa.

Alle udienze hanno presenziato decine di fedeli, presenti in aula per sostenere emotivamente il sacerdote. Il vescovo di Porto e Santa Rufina, Gino Reali, ha accolto "con rispetto il pronunciamento dei Magistrati”, esprimendo profondo dolore e "la ferma condanna per i gravi delitti” e ha ribadito la sua “vicinanza e la piena solidarietà della Diocesi alle vittime".

Monsignor Reali, pochi mesi fa aveva testimoniato anche in aula, in un’udienza drammatica nel corso della quale il vescovo aveva confessato che, sebbene almeno dieci persone si fossero rivolte a lui per segnalare «comportamenti anomali» di don Ruggero Conti, non aveva mai preso alcun provvedimento nei confronti del parroco: «Non ho informato il Vaticano e la Congregazione per la dottrina della fede su don Conti - sostenne Reali - perché non ritenevo sufficienti gli elementi raccolti e non ho denunciato i fatti all’autorità giudiziaria italiana perché non conoscevo l’iter da seguire.» Il vescovo si limitò a qualche “lavata di capo”, ma non prese nessuna posizione, neppure per tutelare possibili altre vittime. «Incontrai don Ruggero più volte e gli feci alcune raccomandazioni – sostenne il vescovo nel corso del processo - Gli dissi di dedicarsi di più alla spiritualità, di avere un atteggiamento più prudente, di essere meno espansivo e di non accogliere ragazzi in casa».

Al termine della sua deposizione, gli avvocati Nino Marazzita e Fabrizio Gallo, difensori dei ragazzi molestati, chiesero che gli atti fossero trasmessi alla Procura perché il vescovo risponda di concorso esterno in atti di pedofilia e di favoreggiamento.

“A testa alta abbiamo continuato a credere alle vittime – ha affermato Mirabile, dopo la sentenza - forti di avere sempre riscontri obiettivi; ora andrebbero accertate responsabilità ad alti livelli ecclesiastici''.

Nei confronti del sacerdote, che aveva già la proibizione dell'esercizio pubblico del ministero, "verranno presi - assicura la diocesi in una nota - i provvedimenti previsti dalla disciplina della Chiesa, secondo le indicazioni della competente Congregazione per la Dottrina della Fede". "Consapevole che quanto avvenuto ferisce l'intera comunità ecclesiale", il vescovo "chiama tutti alla preghiera e alla penitenza e chiede ad ognuno, a cominciare dai sacerdoti, un rinnovato impegno di coerente testimonianza cristiana e di generoso servizio in favore di quanti, particolarmente minori e più deboli, sono affidati alle cure della Chiesa".

Pubblicato il 5/3/2011 alle 9.23 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web